Teatro Trianon Viviani

Pasquale Scialò in Città cantante 2

Città cantante 2

conferenze cantate

6 aprile 2023 alle ore 17.00
Teatro Trianon Viviani

Pasquale Scialò in

Città Cantante 2 –  L’arcipelago della canzone napoletana

produzione Trianon Viviani

presentazione

In pochi altri luoghi al mondo come a Napoli è stato messo in musica tutto quanto fosse parte della vita pubblica e privata della città: dalle storie d’amore, di odio o di passione alle vicende politiche, dalla cucina alla guerra, dall’emigrazione alla disoccupazione, dalla malavita alla dolce vita, dalla toponomastica all’architettura.

Dopo l’ottimo risultato del primo ciclo di Città cantante, che ha visto la partecipazione di circa 1000 persone, in prevalenza studenti, docenti e appassionati di musica, per la stagione 2022-23, si propone il progetto Città cantante 2, Lezioni-concerto ideate e condotte da Pasquale Scialò.

Il format di quest’anno ha come tema L’arcipelago della canzone napoletana, una ricognizione parlata, cantata, suonata dal vivo con proiezioni di documenti, filmati, immagini inedite,

sull’evoluzione della canzone e le sue continue interferenze tra passato e presente nel costante dialogo tra matrici di diversa provenienza.

Città cantante 2 ha lo scopo di divulgare, con un approccio interdisciplinare, questa multiforme letteratura di musica vocale, a partire dalla pubblicazione in due volumi della Storia della canzone di Pasquale Scialò per l’editore Neri Pozza.

Le lezioni della durata di poco più di un’ora prevedono con la partecipazione di esperti, musicisti e cantanti dediti con rigore allo studio e all’interpretazione delle diverse forme di questo repertorio.

I incontro

Canto napoletano e salonmusik

Dal 1824 viene pubblicata la raccolta dei Passatempi musicali di Guglielmo Cottrau, che contiene Ariette e Duettini per camera inediti, Romanze francesi nuove, Canzoncine Napolitane e Siciliane, Variazioni pel canto, piccoli Divertimenti per Pianoforte, Contradanze, Walz, Balli diversi etc.

Quest’opera costituisce una importante fonte musicale con canti “presi dalla bocca del popolo e aggiustati per canto e pianoforte”, destinati al salotto borghese: Michelemmà, Cannetella, Canzona di lavandaja, Lo guaracino, pastorali natalizie, serenate, fino a canti carnascialeschi.

Ruolo centrale per la conservazione e diffusione di tale repertorio viene svolto dal franco-napoletano Guglielmo Cottrau, musicista, editore e successivamente dal figlio Teodoro, giurista e compositore.

Le lezioni si avvalgono della partecipazione dal vivo di diversi interpreti tra cui il trio Suonno d’ajere e Antonio Siano.

date

Giovedì 6 Aprile 2023
17.00

galleria fotografica